Servizio Catastale ed Irriguo

Consulta il servizio catastale per agire sulle particelle possedute

Accedi »

Accesso alla intranet consorzio

Se sei un dipendente interno, accedi da qui ai servizi offerti dalla rete interna

Accedi »

Webmail & Posta Certificata

Accedi da qui alla gestione delle email personali e della posta certificata

Leggi Webmail     Leggi Pec

Area Riservata

News


TRASMISSIONE TELEVISIVA "MI MANDA RAI TRE". MARSIO BLAIOTTA,PRESIDENTE DEL CONSORZIO JONIO COSENTINO INTERVIENE IN MERITO AL TFR DEGLI OPERAI IDRAULICO-FORESTALI.

 La Regione continua a fare orecchio da mercante e sembra cadere dalle nuvole.

 

È bene sapere che:

 

1) Il Consorzio di Bonifica opera quale concessionario per conto della Regione Calabria per le attività di forestazione;

2) Gli operai sono stati trasferiti dall’ex A.For. oggi Calabria Verde ( Ente Strumentale della Regione),ai Consorzi di Bonifica e Calabria Verde stessa, e trasformati a tempo indeterminato unilateralmente dalla Regione, nel 2004;

3) Che la Regione finanzia i Programmi Attuativi di forestazione e che il 90% circa del totale complessivo va a coprire le competenze salariali;

4) Che la Regione negli anni ha trasferito ai Consorzi molto spesso le somme nette (senza oneri) che servivano a pagare solo il salario ai lavoratori;

5) Che la Regione attraverso il CED ( Centro Elaborazione Dati),con apposita procedura, elabora le buste paga degli operai Forestali e quindi perfettamente a conoscenza;

6) che il Consorzio di Trebisacce dal 2001 al 2014, relativamente alla Forestazione, avanza un credito dalla Regione Calabria di € 7.104.791,52; a questo si aggiungono gli interessi legali e rivalutazione monetaria (a tutto il 30.09.2020) per ulteriori € 1.783.448,62 che portano il totale ad

€ 8.888.240,14. Questa somma è stata ripetuta per anni in documenti ufficiali, incontri e audizioni e ultimamente sancita, a seguito di ricorso del Consorzio (anche dal CTU nominato dal giudice del Tribunale di Catanzaro ex art.696 bis del cpc, RG 3677/2019). Da ciò, è facile desumere che il Consorzio in questi anni, abbia fatto da bancomat alla Regione, e se la Regione corrispondesse al Consorzio le somme spettanti, l’Ente sarebbe in grado di pagare totalmente il TFR;

7) a fronte dell’approvazione dei Piani Attuativi di Forestazione, per eseguire le lavorazioni da effettuare con la manodopera in forza (salari oltre che forniture e noli), al Consorzio concessionario di attuazione è riconosciuta, per legge, una percentuale per spese generali, che negli anni si è progressivamente ridotta dal 10% (del 2010) all’attuale 3,5% (del 2020), ossia le somme che “restano” per le attività professionali del Consorzio di Bonifica sempre a valere sulla forestazione.

 

Emerge in modo chiaro che il Consorzio ha ben nota la situazione mentre la Regione naviga (o vuole navigare) a vista.

 

Siamo pronti a qualsiasi confronto e a sostenere le nostre azioni con atti e documenti in ogni sede.

#consorziodibonificaioniocosentino

LA DIRETTA AL SEGUENTE LINK:  RaiPlay https://bit.ly/3hb8YpR

 

 

 

 

 

 



Ultimo aggiornamento: 01/01/1970 00:00:00